Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Un vero e proprio esempio di sinergia tra Pubblica Amministrazione e terzo settore, che prosegue grazie al coordinamento del sindaco di Montalbano Jonico, Piero Marrese.
Lunedì, 04 Aprile 2022 09:12

Un vero e proprio esempio di sinergia tra Pubblica Amministrazione e terzo settore, che prosegue grazie al coordinamento del sindaco di Montalbano Jonico, Piero Marrese.

E’ stato messo in atto nel centro jonico tra il Comune, associazioni di terzo settore (Volontari di Pronto intervento, Anticorpi Civili, Croce Rossa), privati (Teknoservice) e parrocchie, per dare corso a un’iniziativa di solidarietà in favore dell’Ucraina.

Giuseppe Rosano, dipendente Teknoservice e membro dei Volontari di Pronto Intervento, ha raccolto l’appello del giornalista Marco Gallipoli e di sua moglie Ustyna Soroka a contribuire a salvare il patrimonio artistico-culturale dell’Ucraina, condividendolo immediatamente con la sua azienda e il sindaco Marrese.

“Avevamo già intrapreso alcune iniziative pro Ucraina – ha commentato Marrese – e, quando Rosano ci ha riferito dell’appello di Gallipoli, abbiamo subito concretizzato l’azione positiva anche grazie alla Teknoservice, che ha fornito i mezzi, facendo inoltre rete con altre associazioni del territorio”.

Tra queste Anticorpi Civili, presieduta da Francesco Caracciolo, che ha messo a disposizione un altro gruppo elettrogeno, e i Volontari di Pronto Intervento, diretti da Rosanna Grieco, che hanno donato umidificatori, deumidificatori e purificatori d’aria necessari per conservare le opere d’arte in uno stato idoneo e sottrarle al rischio di essere danneggiate o distrutte dalla guerra. Rosano, insieme a Francesco Martino, si è recato in Polonia per consegnare il materiale.

“Questa - ha rimarcato Marrese – è solo la prima fase. L’iniziativa, infatti, prosegue, anche con il coinvolgimento di altre entità associative del territorio per la raccolta di beni di prima necessità. Non si ferma, dunque, l’impegno dell’Amministrazione comunale di Montalbano Jonico per supportare le famiglie ucraine insieme ai nostri concittadini e alle realtà associative locali, che stanno confermando la loro grande sensibilità e il loro grande cuore verso il popolo martoriato dalla guerra”.

Letto 53 volte
Salva
Gestione Preferenze Cookies
Il sito utilizza cookies di Analisi (Google Analytics) e Funzionali per la condivisione sui principali social network. Privacy-Policy
Accetta tutto
Rifiuta tutto
Funzionali
Condivisione social network
Accetta
Rifiuta